Confiscati beni a camionista prestanome

La Dia di Trapani ha confiscato parte del patrimonio immobiliare e societario riconducibile a Carmelo Gagliano, 50 anni, di Marsala, autotrasportatore, per un valore che supera 1,8 milioni di euro. A Gagliano è stata anche applicata la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno nel comune di dimora per la durata di tre anni. Nessuna condanna per mafia, il suo inserimento negli ambienti malavitosi è legato al ruolo di amministratore (quale prestanome) nella società cooperativa di trasporti Afm autofrigo Marsala, riconducibile all'esponente mafioso di Marsala Ignazio Miceli, il cui patrimonio, post mortem, è stato confiscato dal tribunale di Trapani, sempre su proposta del direttore della Dia Nunzio Antonio Ferla.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. San Vito Lo Capo, il Comune paga le quote del co-marketing per l'aeroporto di Birgi
    Tp24.it
  2. Referendum, la sinistra del Pd trapanese all'attacco: Adesso chiarezza
    Tp24.it
  3. Trapani, aumenti in busta paga per i dipendenti comunali
  4. Trapani, le Vare dei Misteri tra le novità: protagonista la zona marinara
  5. Alcamo, assolto l'imprenditore Montalbano

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

San Vito lo Capo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...